Dal 27 aprile del 1018 una piccola comunità di monaci ha il privilegio di custodire la basilica di San Miniato al Monte, antichissimo presidio di pace, di bellezza e di speranza per Firenze e, come potrebbe suggerirci il profeta Isaia, «casa di preghiera per tutti i popoli».